Osteopatia

L’Osteopatia è una medicina non convenzionale riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, basata sull’anatomia e sullo studio della fisiopatologia del corpo umano.

L’Osteopatia recupera una visione globale della persona in quanto considera l’essere umano come un’unità di corpo e mente.

Attraverso la manipolazione dei tessuti l’Osteopata ripristina la fisiologica possibilità di movimento delle diverse parti del corpo, non solo articolazioni, ossa e muscoli, ma anche organi interni e nervi, aprendo la strada ai processi di autoguarigione di cui è naturalmente dotato l’organismo.
Grazie a tecniche che possono essere modulate sulle caratteristiche del singolo paziente, l’Osteopatia contribuisce efficacemente alla prevenzione e alla cura di disturbi che possono colpire ogni fascia d’età: il neonato, il bambino, l’adulto, la donna in gravidanza e l’anziano.

Non interviene nel recupero di mobilità persa in seguito a patologie neurologiche od ortopediche, traumi o interventi chirurgici, e non può quindi essere inserita tra gli interventi riabilitativi; è invece utile rivolgersi all’osteopata per:

  • lombalgia, dorsalgia, cervicalgia
  • dolori e limitazioni muscolari o articolari
  • problemi funzionali a livello viscerale, come reflusso gastroesofageo o stipsi
  • dolore e disfunzione dell’articolazione temporo-mandibolare
  • cefalee muscolo tensive
OSTEOPATIA IN GRAVIDANZA
L’osteopatia è un valido aiuto per la donna soprattutto per le seguenti problematiche che caratterizzano le diverse fasi della gravidanza:
– nausee
– stipsi
– formicolii agli arti superiori (sindrome del tunnel carpale e dello stretto toracico
– mal di schiena
– dolore all’inguine
– pubalgia
– sciatalgia
– reflusso gastroesofageo
– dolore al coccige
OSTEOPATIA E NEONATO
Anche il neonato può essere trattato osteopaticamente fin dai primi giorni dopo il parto in particolare nelle seguenti situazioni:
– se ha subito una fase espulsiva molto lunga e faticosa oppure al contrario parto precipitoso
– in caso di parto complicato, cesareo o sofferenza fetale
– quando presenta asimmetrie nella forma della testolina, oppure preferisce tenerla ruotata o inclinata da un lato
– se ha difficoltà di suzione
– per stipsi o aria nella pancia
– in caso di infiammazione del dotto lacrimale (dacriocistite) o infezioni ricorrenti alle vie respiratorie
– per escludere cause meccaniche dei disturbi del sonno

 

PER MAGGIORI INFORMAZIONI:
Tel. 035 5297162   |   info@casamedica.it

A chi rivolgersi

  • Dott.ssa Claudia Monti, Medico Chirurgo e Osteopata, da anni approfondisce la studio di questa disciplina, arrivando a svolgere attività di insegnamento. Vice-Direttore Didattico e Docente della scuola di osteopatia “TCIO – Take Care Istituto Osteopatico”. Direttore sanitario Centro Italiano Postura di Milano.
  • Emilio Zanmarchi, Osteopata, diplomato presso l’Istituto Italiano di osteopatia nel 1996.

 

Se vuoi saperne di più sull’osteopatia puoi leggere: